Blog

Content Marketing “Stacks”: i tools per creare “livelli” di contenuto


Una volta la tecnologia migliore per creare contenuti era composta da carta, inchiostro, penna e fantasia. Era un ottimo mix di hardware e software analogici. Adesso il marketing ha raggiunto un’evoluzione epocale perchè ha invertito l’ordine tra pubblicità e contenuto, dando al secondo una supremazia incontrastata. E’ il trionfo del “content marketing”, dove il contenuto “inbound” prevale su quello “outbound”. Ma la vera evoluzione è quella di aver esteso il contenuto al di là delle sue funzioni originarie, per usare il contenuto come advertising, come fattore di aggregazione sociale, come serbatoio di continui flussi di dati.

 

In questo scenario era logico prevedere che una tale domanda di contenuto non potesse essere gestita unicamente con le classiche modalità. Servono nuove tecnologie, come i “content marketing stacks”, ovvero una serie di tools, ormai stabilmente insediati sul cloud, che suddividono quest’uso esteso del content in differenti livelli:

 

Content-Tool-Stack-Hierarchy

 

Come mostra il grafico di Marketing Land, il “content” si trasforma nella principale tecnologia di comunicazione digitale. Perciò si rende necessario per la sua gestione un software adeguato. Premessa la centralità della convergenza e dell’integrazione, la novità è data dalla ripartizione in “stacks” che abbinano il contenuto e le sue tecnologie di gestione e ottimizzazione, dalla creazione fino agli aspetti legali. E’ una nuova visione strategica che unifica l’intero processo del content marketing in differenti stacks, livelli, integrati e presto governati da un’unica “suite” di applicazioni cloud-based.

 

Il cammino è davvero lungo: dal vecchio rischio di creare “silos” di contenuti separati in canali separati al futuro prossimo di un content marketing gestito in differenti livelli per poter essere prodotto e ottimizzato secondo un’unica strategia.

 

Per seguire queste innovazioni non servono processori e calcoli. Serve invece un “mind shift” culturale che, senza bisogno di subire stravolgimenti e rotture, sia in grado di vedere la realtà attuale da nuove angolazioni, per cogliere prospettive sempre più inclusive. Questi “stacks” sono soltanto una specie di “impaginazione” diversa, più capiente e integrata, della struttura fondamentale del web di oggi: il valore del messaggio.

 

Per approfondimenti, si può scaricare il report di Altimeter sul “Content Software Landscape

 

Vi invitiamo a seguirci su Twitter: @Ejconews per ricevere ogni giorno gli aggiornamenti più importanti e innovativi sul Digital Marketing oppure a scriverci su info[at]evajannotti.it per ricevere informazioni e dimostrazioni sui servizi della nostra consulenza avanzata.

Nessun Commento

0

Pubblicare un Commento